Se, a seguito di un piccolo incidente, vi viene richiesto di compilare il modulo CID non andate in panico: molto probabilmente non l’avete mai sentito chiamare in questo modo, acronimo di Convenzione Indennizzo Diretto, ma altro non è che la constatazione amichevole oppure il modulo blu che trovate nel cassettino degli oggetti della vostra macchina.

Si tratta appunto di quel modulo che permette di constatare come si sono svolti i fatti che hanno portato al verificarsi di un incidente e che consente poi alle assicurazioni di risarcire i danni.

È un documento che semplifica di molto la dinamica per ottenere il risarcimento, pertanto va compilato in modo dettagliato e vanno apportate le firme di entrambi i conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro.

La constatazione amichevole si compila e si firma laddove risulta palese e senza ombra di discussione la responsabilità di una persona nell’incidente, in altri casi è meglio rivolgersi alle forze dell’ordine, vigili, polizzia o carabinieri che siano.

Ma cosa bisogna indicare sul modulo CID (anche comunemente chiamato modulo Blu, per il colore dello stesso)?

Sono necessari tutti i dati che contestualizzano il momento dell’incidente: vanno dunque riportati il giorno, la data e l’ora dell’incidente.

Vanno segnalate le targhe dei veicoli coinvolti e le generalità delle persone alla guida (nome, cognome, controllato su un documento di identità) e ancora una descrizione di come si è svolto l’incidente (dinamica), la firma dei due conducenti, il nome dell’assicurato, il nome delle compagnie assicurative che tutelano i mezzi, e in caso ci fossero i nominativi dei testimoni che hanno assistito al sinistro.

La Convenzione Indennizzo Diretto è valida solo in caso di un incidente dove sono coinvolti due veicoli, tra cui non rientrano macchine agricoli e ciclomotori, in caso di tamponamento multiplo, ogni coppia di veicoli deve compilare il proprio modulo CID, uno non basta.

È la classica situazione dove un veicolo si trova a modi “panino” ad essere tamponato e a tamponare, in questo caso essendoci un doppio sinistro, il mezzo centrale deve compilare due moduli di constatazione amichevole.

Se i requisiti sono corretti, il danno verrà liquidato entro 30 giorni o secondo le tempistiche stabilite dalle assicurazioni coinvolte: è questa una pratica che snellisce e velocizza il processo di risarcimento.

Con la constatazione amichevole, dunque, i tempi per il pagamento dei sinistri sono ridotti, ciò non accade però nel caso in cui l’incidente abbia causato lesioni gravi a persone.

Le pratiche di rimborso, in questa situazione, seguono le dinamiche e i tempi standard oppure eventuali altre normative in caso di eventi con feriti più gravi o dove sia necessaria una indagine più specifica.

Il modulo della constatazione amichevole è generico, non è intestato alla propria assicurazione, quando si causa o si è vittime di un sinistro è indifferente di chi sia il modulo, l’importante è compilarlo e averne una copia da consegnare alla propria assicurazione per segnalare l’incidente e poter ricevere il risarcimento necessario o fare in modo che la compagnia stessa agisca per vostro conto.

Fatevelo sempre consegnare dalla vostra compagnia, dal broker assicurativo che vi segue e controllate che vi venga inviato via email o cartaceo nel caso vi affidiate ad assicurazioni online.